Trovati a Zollara di Gemmano (RN) Sei bei micetti “sporchi ma non cattivi”

zoll ZSono 6 fratellini di 45 giorni circa la loro colpa è solo quella di “avere la sfiga“essere venuti al mondo. La colpa del loro arrivo, tra noi, non è neppure della gatta randagia che li ha partoriti ma dell’incuria di alcuni umani, compresi quelli delle Istituzioni , che dovrebbero provvedere alla sua sterilizzazione.

zoll bMa ora i sei cuccioli esistono e qualcuno bisogna si faccia carico di loro. Li abbiamo trovati, questa mattina, in condizioni pietose in una casa vicino ad una colonia felina di Zollara di Gemmano (RN) , registrata alla ASL veterinaria di Rimini. Tutti sei gattini, che vivono abbandonati dalla mamma in una invivibile sporcizia, sono affetti da uno stato di avanzata congiuntivite virale e vengono impropriamente nutriti, data la loro zoll apiccola età, con delle crocchette per gatti adulti e pane inzuppato nell’acqua. Questa poverissima alimentazione, con carenza di vitamine e proteine, ha compromesso le loro difese immunitarie generando la congiuntivite, trasmessa sicuramente anche in fase di parto dalla mamma. Uno di loro rischia probabilmente l’asportazione dell’occhietto destro. Ora la sporcizia ed il luogo dove vivono, uno scatolone con dei zoll Dgiornali come giaciglio, li ha riempiti di pulci e le loro orecchie sono all’interno completamente nere perché piene di acari. Alla nursery di Arcabaleno siamo pieni di gattini ed ora non abbiamo posto per ospitarli , ma il solo pensare di non poterli curare e salvare da questa situazione non ci da pace. Pertanto domattina torneremo a Zollara per prenderli e portarli subito dal veterinario. Ci rendiamo conto che hanno bisogno di noi quindi anche se ora abbiamo difficoltà abbiamo l’ obbligo morale di intervenire.
I gattini ci chiamano, anche senza miagolare, non rispondere al loro richiamo è per noi impossibile.
Quindi porteremo anche questi alla nostra Oasi, seguendo il vecchio detto di una volta,  per affrontare la miseria, si diceva che dove si vive in due si può vivere anche in tre.

Benvenuti tra noi piccoli mici ora vi rimetteremo in sesto e quando sarete bellissimi molti faranno a gara per adottarvi.

Carlo Morigi di Arcabaleno

Share Button

2 thoughts on “Trovati a Zollara di Gemmano (RN) Sei bei micetti “sporchi ma non cattivi”

  1. da questo commento si capisce che di gatti non ne capite assolutamente niente!……Per voi sembra che caschi il mondo sapendo che questi gattini hanno i vermi, gli acari e la congiuntivite, cose ASSOLUTAMENTE NORMALI per i gattini piccoli!!!
    Poi come vi permettete di dire che le persone vicine a questi gattini hanno avuto incuria nei loro confronti??…io li conosco bene e so che gli pulivano sempre gli occhi e li medicavano quando necessario…..ah poi SACRILEGIO dare le crocchette normali ai gattini invece di quelle apposta per loro (che alla fine cambia ben poco). Infine, la “sfiga” di essere venuti al mondo l’abbiamo avuta noi vedendo le ca**ate che scrivete in questi articoli!!!

    • Gentilissimo sign. Semprini

      il nostro non è un commento ma un post su di un Blog di una associazione animalista onlus che tra le tante sue attività ha anche quella di sensibilizzare le persone alla prassi della sterilizzazione per prevenire nascite esponenziali di gattini come quelli da noi raccolti a Zollara.
      Il suo invece è un commento, di cui noi ne autorizziamo la pubblicazione , e che accogliamo quale inatteso ringraziamento per l’ impegno da noi profuso a sostegno di tutte le colonie feline, non solo di Zollara , ma di tutto il territorio di Gemmano.
      Nessuno di noi volontari di Arcabaleno ha mai avuto , ho dimostrato la presunzione, di sapere tutto o di tutto sui gatti, ma da quattro anni ci interessiamo a loro e facciamo del nostro meglio, con l’aiuto di validi veterinari privati, per aiutarli e sostenerli e sicuramente quel poco che riusciamo a fare lo facciamo con coscienza ed amore.

      Trovare dei cuccioli di gattini denutriti ed in pessime condizioni igieniche e di salute in una colonia felina , regolarmente censita all’ USL di Rimini con il n. 654 ci pone l’ obbligo morale e statutario di intervenire, anche se la competenza ( in base alla Legge Regionale della E.R. 27 del 7/4/2000) spetterebbe alle Istituzioni od alle Associazioni con esse convenzionate.

      Non usando i suoi “ offensivi termini” le faccio comunque notare che lei sbaglia quando afferma che gli acari e la congiuntivite, sono cose ASSOLUTAMENTE NORMALI per i gattini piccoli forse questo vale per i vermi ma non per le altre due infermità che sono delle vere e proprie malattie che vanno curate sotto la guida di un professionista. Una congiuntivite non si cura, pulendo gli occhi ai gattini con l’ acqua tiepida. Ma servono appropriati colliri e pomate e nei caso molto avanzati vanno somministrati anche antibiotici.

      Per quanto concerne la presenza di acari è una infezione da non sottovalutare i gattini erano affetti da acaro Otodectes Cynotis. L’infezione è normalmente molto diffusa, perché il contagio è ambientale e passa da un micio all’altro e con molta facilità nei gattini e sicuramente tutti i gatti di quella colonia ne sono infetti perché non sono mai stati curati. E’ una infezione che può anche sviluppare forme gravi di otiti e rottura del timpano.

      Per sua informazione sappia che tra antibiotici, colliri, antifungini, antiparassitari e omogeneizzati con integratori alimentari ( per nutrirli) , più altre spese veterinarie abbiamo già speso per questi micini più di 200,00 euro. (una spesa questa che le persone che lei conosce bene non avrebbero sicuramente affrontato.)

      Lasciamo perdere “il sacrilegio delle crocchette per gatti adulti” in questo caso manca veramente la sua consapevolezza di come deve essere nutrito un gattino con poco più di un mese d’età.

      Nessuno , più di noi ha rispetto di quelle persone che lei dice di conoscere bene, persone che erano iscritte anche alla nostra associazione, persone alle quali voglio bene mantenendo un sincero rapporto d’ amicizia, persone che abbiamo sempre aiutato e che continueremo ad aiutare. Guardi il caso: i gattini li ho visti in quelle condizioni perché quel giorno ero andato a portare loro gratuitamente delle confezioni di crocchette per i numerosi gatti randagi che accudiscono.

      Conosciamo l’ amore, che da anni, nutrono per i tanti randagi, che stanziano vicino a casa loro,
      e siamo anche a conoscenza dei tanti soldi che spendono per nutrirli ma, l’ avanzata età e sopraggiunte malattie invalidanti, non consentono più loro di condurre una colonia felina come si dovrebbe e non le nascondo che riceviamo diverse segnalazioni dai loro vicini per questa incuria.

      Nonostante ciò noi continueremo a seguirli portando forniture di cibo per gatti e con il loro aiuto inizieremo in Settembre un piano di sterilizzazioni dei loro numerosi felini.

      La “sfiga” di essere venuti al mondo era chiaramente rivolta in senso provocatorio a quanti pur di risparmiare qualche euro si guardano bene dallo sterilizzare i loro gatti. Un modo di dire o espressione idiomatica per stimolare l’ attenzione del lettore del post…ma mi lasci dire …sempre meno innocua delle sue offensive… ca**ate.

      Terminando, sign. Semprini la saluto cordialmente ringraziandola comunque per la sua critica,la quale ci ha comunque imposto alcune riflessioni. Ma mi preme ribadire che l’intervento originario non era rivolto a gettar discredito slle persone cui fa riferimento, qualora questo le sia apparso, è senz’altro dovuto a l’uso di una retorica forse frutto della nostra grande sensibilità nei confronti della sofferenza di questi nostri piccoli amici o più semplicemente della impersonalità che è tipica di concetti quando affidati al solo mezzo della scrittura. Spero presto di avere il piacere di conoscerla di persona, e chissà mai che conoscendoci meglio, non decida un giorno di mettere, insieme a noi, a disposizione le sue competenze a favore dei nostri piccoli amici.

      Per Arcabaleno Onlus
      Carlo Morigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *