L’ Amore è tutto … ma a volte la tecnologia può più dell’Amore. Due storie d’Amore in rete.

Loghi-Social-Network-Lisa-CortesiPer la nostra Associazione di Volontariato è indispensabile avere in dotazione un computer per organizzare e svolgere al meglio la nostra attività al servizio degli altri e per tutelare i nostri animali.
Con il nostro sito, i blog e le pagine su Facebook riusciamo a farci conoscere ed avere visibilità da un vasto pubblico. Ma quello più importante è il poter mettere in rete tanti appelli per le adozioni , per gli smarrimenti e ritrovamenti di animali.

La Rete ci permette lo sviluppo di una enorme capacità di informazione e scambio di notizie una volta impensabili. Anche senza l’intervento della stampa ufficiale con la Rete siamo in grado di diffondere notizie a livello locale e nazionale in pochissime ore ed in maniera capillare!

Lo sfortunato siamese

Oggi vogliamo narrarvi di due storie: quella del ritrovamento del gatto siamese Camillo, finita con un doloroso epilogo e l’altra dei tre micetti fratellini Biba , Beba e Bobo conclusasi con un un lieto fine; entrambe legate tra loro con un filo comune perché avvenute grazie al supporto della tecnologia e della rete su internet.

Il 2 maggio scorso abbiamo pubblicato sul sito di Arcabaleno e sulle nostre pagine di facebook un appello per ritrovare i proprietari di un gatto siamese intrufolatosi clandestinamente a Morciano nell’auto di due riminesi. Infatti dei signori di Rimini, di ritorno da una passeggiata a Morciano, arrivati a casa hanno udito dei miagolii provenienti dalla loro auto. Aperto il cofano hanno trovato raggomitolato nel vano motore un bellissimo maschio di gatto siamese di circa 2 o 3 anni sterilizzato indossante un collarino giallo di Hello Kitty.

Camillo in braccio alla sua amica

Camillo in braccio alla sua amica

Ebbene, ecco il miracolo della rete: nel giro di poche ore dal nostro appello una giovane signora morcianese rivendicava la proprietà del siamese ed è subito corsa a recuperare ed a riabbracciare il suo bellissimo amico felino siamese di nome Camillo.

Purtroppo non tutto è bene quel che finisce bene ! Nella vita di Camillo “il diavolo ci aveva messo la coda” ed il contatto con la testa del motore gli aveva provocato ustioni gravissime ed a poco sono servite le pronte ed amorevoli cure del veterinario del Canile Cerni di Rimini. Camillo era in condizioni disastrose: Una zampetta anteriore completamente bruciata , la pelle completamente disastrata per il 60/70 per cento del corpo presentava brandelli impossibili da ricucire . Per evitare ulteriori ed inutili sofferenze al povero animale, la proprietaria, a malincuore e con grande dolore, ha accordato al veterinario il consenso per il suo abbattimento .

La seconda storia, fortunatamente a lieto fine, è quella dei tre micetti di 30 giorni Biba , Beba e Bobo abbandonati dalla loro mamma biologica (una gatta randagia) sono stati amorevolmente raccolti e svezzati da una mamma volontaria di Arcabaleno.

Alessandra con i tre nuovi ospiti

Alessandra con i tre nuovi ospiti

Sempre grazie ai contatti della rete i tre cuccioli, successivamente, sono stati presi in adozione dalla signora Alessandra Elia, titolare del ristorante “Riesling” di Marina di Ravenna. Alessandra ha voluto adottare tutti e 3 i fratellini perché assieme si fanno più compagnia (facendo anche meno disastri in giro) e perché tendono ad allontanarsi di meno da casa. Ora nella nuova e numerosa famiglia del Ristorante “Riesling” i 3 gattini si chiamano Menta, Salvia e Rosmarino… e Menta è la più ‘piperita’… veramente un diavoletto !
A dire il vero i 3 nuovi arrivati di compagnia ne hanno tanta ed hanno sempre accanto a loro come angelo custode un docilissimo cagnone di nome Gigio (anche lui un trovatello che da 4 anni vive con Alessandra) e Gigio, che è cresciuto convivendo in casa con altri 13 gatti. Di pazienza ne ha tanta: è sarà sicuramente un buon padre affettuoso e tollerante. Nel consegnarle in affido i tre micetti la signora Alessandra ci ha detto: “Possediamo 13 gatti più i nuovi 3 piccoli, più il cane, un coniglio, un pappagallo australiano e 4 tartarughe tutti trovati in giro.

Gigio sorveglia i micetti

Gigio sorveglia i micetti

Da sempre ho la passione per gli animali e per un certo periodo ho fatto la volontaria in un gattile, poi per mancanza di tempo e gli ‘orari strani’ dettati dal mio lavoro mi hanno fatto decidere di interrompere l’esperienza al gattile ma poi replicata in proprio. Ho cominciato quindi ad occuparmi di loro a casa recuperandoli da varie situazioni di randagismo ed altre”.

Quale miglior sistemazione avrebbero potuto trovare i nostri piccoli animaletti se non quella di mamma Alessandra con il suo smisurato amore per gli animali? A voi la risposta!

Carlo Morigi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *