San Sebastiano riaccende la luce del campanile di Gemmano. Domenica 19 Si festeggia il Patrono di Gemmano e Sant’Antonio Abate protettore degli animali.

indexcampanileSan Sebastiano riaccende la luce del campanile di Gemmano. Il campanile illuminato: un vero faro, per la sua alta posizione, per la nostra splendida collina. A questo punto non ci resta che ringraziare il Patrono ed anche il Sindaco Riziero Santi che ci annuncia , con vera soddisfazione il ripristino e la riaccensione dell’impianto di illuminazione, con un comunicato stampa:“La sua imponenza domina ed è visibile dall’intera vallata – afferma il Sindaco Riziero Santi – cosicchè tornare ad illuminarlo costituirà sicuramente un arricchimento del tratto caratteristico e suggestivo della Valconca e una meritata visibilità del paese di Gemmano”. Lunedì  20 gennaio è il giorno del Patrono di Gemmano: San Sebastiano.

San Sebastiano Protettore di Gemmano e della vicina Coriano

San Sebastiano Protettore di Gemmano e della vicina Coriano

La comunità cattolica gemmanese è devota al suo Santo Patrono e come ogni anno lo onora e lo festeggia. Quest’anno con la vicinanza della domenica 19, in cui il festeggiato è Sant’Antonio  Abate protettore degli animali, la comunità ha pensato di non perdere l’occasione di un festeggiamento unico nella giornata di domenica. Il programma prevede alle ore 10.30 la Santa Messa con la tradizionale benedizione del pane e degli animali presso la chiesa di capoluogo. Alla celebrazione sarà presente anche il Sindaco di Gemmano accompagnato dal Gonfalone comunale, proprio per significare la vicinanza delle istituzioni alla comunità cattolica, e onorare il Patrono. Quindi la comunità si ritroverà a pranzo insieme nella vicina sala Pillitteri.”
Pur con tutto il rispetto per il Santo Patrono, da laico e da amante degli animali ( tutti), festeggerò con la comunità cattolica la Domenica del 19 Gennaio dedicata a Sant’Antonio  Abate. Salute permettendo, mi unirò anche io tutti i cattolici praticanti e non , in una corale preghiera al Santo protettore degli animali . Sono certo che Sant’Antonio  Abate, con il rito della Santa Messa, saprà far giungere la benedizione agli animali tutti e non solo a quelli domestici presenti nelle nostre case .

santantonio

Sant’Antonio Abate, il protettore degli animali

La Santa benedizione, che notoriamente attraversa tutti i muri delle Chiese e degli edifici, dovrebbe sicuramente raggiungere e lenire le sofferenze dei tanti animali che languono chiusi, nelle gabbie dei laboratori delle holding farmaceutiche, in attesa di essere vivisezionati; quelli che sono in continuo pericolo di vita per soddisfare il barbaro piacere dei cacciatori che, ancor oggi nel civile 2014, hanno il coraggio di definire la caccia una attività sportiva; alle volpi, ai lupi, ai cinghiali o ai piccioni che, a fini di controllo sulla proliferazione della della fauna selvatica, vengono barbaramente uccisi con tanto di delibere approvate dalle Istituzioni; agli animali da pelliccia chiusi negli allevamenti in attesa di essere uccisi e scuoiati ( in alcuni casi anche da vivi) per soddisfare la maschile e femminile vanità di noi essere umani, alle migliaia di animali che quotidianamente muoiono schiacciati lungo le strade, alla ricerca di cibo, perchè randagi o abbandonati dai loro padroni.
Potremmo continuare questa lista citando le migliaia di animali usati e sfruttati nei circhi, ai delfini che vivono in delfinari simili a vasche da bagno ed a quelli che attendono la loro morte nelle gabbie o nei recinti degli zoo, ma è preferibile fermarci qui ed attendere la grazia di Sant’Antonio  Abate auspicando che la sua benedizione arrivi a tutti gli animali e soprattutto giunga anche a noi essere umani per renderci migliori e più rispettosi dei bisogni e dei diritti del Mondo Animale. Concludo Sperando almeno, che il convivio domenicale per onorare i due Santi, organizzato dalla comunità nella vicina sala comunale Pillitteri, non preveda un menù di carne.

Carlo Morigi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *