BUONE NOTIZIE PER I 400 GATTI LIBERI DI GEMMANO

Buone notizie per i 400 gatti liberi di Gemmano :

I soci di Arcabaleno annunciano con orgoglio l’avvenuta iscrizione dell’Associazione nel Registro Provinciale del Volontariato della Provincia di Rimini acquisendo con tale atto la qualifica di Onlus .Pertanto si stanno muovendo concretamente e velocemente al fine di provvedere alla tutela ed ai bisogni di tutti gli animali liberi presenti nel territorio del Comune di Gemmano.Come già segnalato nelle scorse volte, la situazione è oltremodo disperata (per usare un eufemismo!), sia per il numero dei gatti da accudire e sfamare (400), sia per la dislocazione delle colonie in cui i gatti stessi sono suddivisi.

Tuttavia noi volontari della Associazione siamo molto ottimisti perché vediamo che il nostro attivismo sta producendo degli ottimi risultati.Per ciò che riguarda il cibo , con i fondi derivanti dalle varie attività dell’associazione e le spontanee donazioni di coloro che ci sostengono(e che ringraziamo di cuore!), abbiamo acquistato ingenti quantità di cibo, soprattutto secco (croccantini), grazie alle quali, almeno per il momento, possiamo distribuirlo gratuitamente ai conduttori di colonie e sfamare i felini senza troppi affanni.

Più problematica risulta invece la lotta al randagismo felino attraverso il contenimento delle nascite con le sterilizzazioni. Forse non tutti sanno che per legge in base all‘articolo 2 della legge nazionale N. 281/91 e legge regionale 07 Aprile 2000 n. 27: le sterilizzazioni dei gatti randagi spettano alle ASL veterinarie ed ai Comuni . Purtroppo però, come spesso accade, sia l’ ASL di Rimini che il Comune di Gemmano non hanno né i mezzi né gli uomini per ottemperare a tale obbligo, costringendo la nostra associazione a rivolgersi a strutture veterinarie private, per pagare le quali, occorrono estenuanti campagne di raccolta fondi.

Tuttavia noi auspichiamo che sia dia l’ avvio ad una proficua collaborazione tra Arcabaleno-Proloco e Comune di Gemmano che potrebbe presto portare ad una soluzione tanto positiva quanto insperata.

Infatti qualora questi soggetti si rendessero disponibili ad aiutarci economicamente potremmo dare l’avvio ad un piano di sterilizzazione di massa in tutte le colonie del territorio comunale

Siamo orgogliosi ,inoltre,di annunciare la nascita dell’ Oasi Protetta di Via Montino,in località la Villa di Gemmano dove trovano sistemazione molti gattini, trovati in giro nelle campagne, nei canneti , negli scatoloni vicino all’immondizia o gettati nei giardini privati delle case. Molti in condizioni pietose, ammalati, destinati ad una morte certa.Attualmente nell’Oasi Protetta trovano rifugio circa 40 felini e ci rendiamo disponibili ad accoglierne altri per sfamarli,sterilizzarli e curarli.L’Oasi è stata realizzata in un appezzamento di terreno privato di circa 2000 metri quadri di proprietà di un nostro associato che lo ha messo generosamente a disposizione per custodire i gatti randagi ed i gatti abbandonati trovati nel territorio comunale di Gemmano .

I rifugi per i felini sono stati creati con vari materiali di fortuna : Cassette di legno,vecchi bidoni di plastica inseriti nella legnaia e da quant’altro possa servire a tenere all’asciutto ed al coperto i gatti. L’Oasi è gestita dai soci di Arcabaleno ,ma nessun volontario intasca un centesimo!
I fondi dell’Associazione sono utilizzati esclusivamente per le attività culturali,istituzionali e statutarie e soprattutto per comprare cibo e per pagare le spese veterinarie necessarie per i gatti che ne avessero bisogno.

Volendo tutti Voi potete aiutarci !Come: Adottando direttamente o a distanza uno dei nostri ospiti;Finanziando una o più sterilizzazioni;Dando la disponibilità ad accogliere temporaneamente i gattini bisognosi di cure;Parlando del nostro lavoro per permettere una maggiore diffusione;Donandoci un pò del vostro tempo per aiutarci nella gestione delle colonie feline. Presso la nostra sede in Via Montino ,6 è possibile portare del cibo per gatti e del materiale utile ai alle colonie (cibo in crocchette ,coperte, giornali, medicinali, trasportini, etc.) che regaleremo alle strutture più bisognose.

Una vostra donazione in denaro può essere effettuata tramite bonifico bancario alla Banca di Rimini intestato a :Associazione Arcabaleno

IBAN:IT13L0897027373000090000416

Share Button

Gestione Colonie Feline

{fabrik view=table id=3}

Share Button

lotta ai maltrattamenti

 

Avvelenamenti-Maltrattamenti-Abbandoni

Quante volte, camminando per la strada, abbiamo assistito a maltrattamenti e soprusi nei confronti dei cani? Quante volte abbiamo visto gatti sporchi e malnutriti costretti a sfamarsi tra i rifiuti? Di fronte a scene del genere si prova un senso di rabbia, si vorrebbe poter fare qualcosa. Ma la maggior parte delle volte purtroppo, abbassiamo gli occhi e proseguiamo, impotenti.

Dobbiamo agire, invece! Dobbiamo dimenticare qualsiasi timore ed essere convinti che qualcosa si può veramente fare. Le violenze, anche psicologiche e non solo quelle fisiche, a danno dei gatti e dei cani sono oggi contro la legge e vanno perciò denunciate alle autorità. Lasciamoci guidare dal senso civico e dall’amore ogni volta che vediamo un animale in difficoltà. In campagna spesso si trovano cani da caccia tenuti segregati in piccoli spazi maleodoranti o gatti abbandonati a se stessi da padroni convinti che “il gatto è cacciatore e sa badare a se stesso”. Bene, interveniamo e facciamo una denuncia, è nostro dovere!

Nei casi di maltrattamento sono gli Organi di Polizia Giudiziaria che devono intervenire, quindi i Vigili Urbani, i Carabinieri, la Polizia, la Guardia di Finanza e il Corpo Forestale. Chi pensa che, trattandosi di animali, le sole che possono essere interpellate sono le Guardie Zoofile, sbaglia. La Cassazione ha ribadito che tutti gli organi di Polizia Giudiziaria sono competenti per i reati in materia ambientale e di tutela animali.

La denuncia può essere fatta di persona o per telefono nei casi gravi in cui occorre un intervento tempestivo. Altrimenti si deve mettere per iscritto il fatto, su carta semplice senza bolli , descrivendo ciò che si è visto e aggiungendo, quando ci sono, i nomi di altri testimoni. Non dimentichiamo che, perché il tutto sia valido, dobbiamo aggiungere il nostro nome, cognome e indirizzo, la data e la firma. La denuncia va poi presentata in un Ufficio della Polizia Giudiziaria, oppure consegnata alla cancelleria del Procuratore della Repubblica presso la Pretura Circondariale del luogo.

Se si vogliono ricevere maggiori informazioni su come comportarsi di fronte ad un caso di maltrattamento, o anche se si trova per strada un cane o un gatto abbandonato e non si sa come agire, potete contattare la nostra o altre Associazioni Animaliste della zona

Puoi scaricare i modelli di denucia:

Modulo di denuncia per avvelenamenti

Modulo di denuncia per maltrattamento

Modulo di denuncia per abbandono

Share Button